Perché ho iniziato a fare podcast

Ti racconterò la mia genesi con molta sincerità. Non ho sempre desiderato fare la speaker o la copywriter, né tanto meno fare un podcast, anche perché a 10 anni non conoscevo neanche l’esistenza di queste parole. E poi la domanda “cosa vuoi fare da grande” mi ha sempre messo in difficoltà. Io volevo fare tante cose non una sola. La ballerina ad esempio. E la cantante, la scrittrice, la pianista ma anche la motociclista di Harley Davinson.

Non ero confusa. Erano tutte sfaccettature di me stessa. Avevo solo voglia di sperimentare, esprimere la mia creatività con la musica e sentirmi libera.

Il mio perché

Perché fare un podcast? Da ragazza parlavo poco e ascoltavo tanto. Talvolta scrivevo nella Smemoranda i miei pensieri, ma restavano in silenzio come la mia voce. Raccontarli mi avrebbe esposto ai giudizi altrui e non ero pronta a sostenerli. Tanto più se non erano compresi e condivisi. Scrivere mi metteva in pace con me stessa ma non con il mondo.

Poi nell’adolescenza e per buona parte della mia vita, misi da parte la scrittura senza neanche rendermene conto. Dovevo dedicarmi a cose “più concrete” a detta di mio padre, qualcosa che potesse diventare un lavoro vero e mantenermi una volta adulta. Avrei voluto studiare comunicazione o lettere e invece studiai economia, più concreto… sempre per mio padre. Ero anche brava e finì per piacermi. Almeno fino a che non scattò qualcosa.

Il bisogno di scrivere tornò a sorprendermi come un vecchio pacco ritrovato in soffitta di cui non ricordavo l’esistenza. Una volta aperto, non riuscii a richiuderlo. Per questo mi rimisi a studiare comunicazione e marketing, per questo andai alla scoperta dei podcast e delle storie, per questo ricominciai a scrivere taccuini di pensieri, a riscoprire ciò che credevo di non possedere più. E volevo dirlo al mondo, con la mia voce.

Da lì il passo fu breve: perché fare un podcast coniugava scrittura e creatività, voce e musica. Volevo comunicare ed essere ascoltata, trasformarmi, creare qualcosa che ritenevo concreto per me, distinguermi.

“Cambiare cappello significa cambiare idee, avere un’altra visione del mondo”

C.G. Jung

Se ci pensi, tutti comunichiamo e sul web, se vuoi fare la differenza, devi mandare un messaggio distintivo, che si faccia sentire e ti rappresenti.

I miei valori, la mia identità

Il simbolo che mi identifica è la farfalla, come il logo stilizzato che racchiude la mia identità. Qui ho voluto elencare le sue caratteristiche, le stesse che muovono i concetti base della mia professione.

Cambiamento

La farfalla evolve e si trasforma attuando un cambiamento esteriore, rivelando la sua bellezza senza perdere la sua natura. Io evolvo e miglioro a contatto con le persone con cui lavoro, professionisti nel loro ambito che mi fanno entrare nel loro mondo per poi poterlo raccontare, cambiando prospettiva ma mantenendo la loro autenticità e identità.

Libertà

La libertà può essere conquistata solo a patto di sapersi sciogliere dai conformismi. Il mio lavoro è legato alla creatività, alle idee. E le idee nascono dove si ha la forza di pensare in modo differente, di sperimentare qualcosa di nuovo. Con il podcast si apre un nuovo modo di comunicare.

Diversità

Sono migliaia le varianti di farfalle esistenti, tutte diverse per colore, grandezza e bellezza. Del mio lavoro amo la personalità di ciascuna storia, le sfumature che la rendono unica. È l’elemento distintivo che esalta la propria identità.

Come ho iniziato a fare podcast

Non amo improvvisare e prima di fare una cosa voglio studiarla, comprenderla. Il podcast mi affascinava per l’intimità che trasmetteva e la possibilità e mettere a frutto la propria creatività, vederne il risultato finale. Ma era un mondo sconosciuto come alla maggior parte delle persone. Così mi iscrissi a un corso di podcasting e poi a un altro e un altro ancora fino a conoscere le dinamiche che ci sono dietro la creazione di un progetto complesso.

Le conoscenze di copywriting e di narrazione mi hanno aiutata nella stesura dei testi del mio primo podcast. Ho sperimentato il viaggio dell’eroe in una storia autobiografica senza veli. Mi sono cimentata con l’editing della voce e con il sound design perfetto per ciò che volevo esprimere. Mi sono scoperta, a me stessa e al mondo. Quel progetto è stato un nuovo inizio. Il desiderio di cambiare era più forte della paura di sbagliare.

Da ascoltatrice e poi da podcaster, compresi il potenziale comunicativo del podcast e lo rapportai a tutte le tecniche di marketing che già adottavo. Era di gran lunga il modo più interessante per avvicinare le persone e creare una relazione. Dunque perché fermarmi a un solo podcast? Con il secondo mi spinsi oltre, e fu branded podcast.

Vuoi promuovere il tuo brand con un podcast?

Come superare le difficoltà di fare podcast

È senza dubbio complesso fare un podcast, richiede diverse abilità e tanta organizzazione. Non solo, richiede pianificazione, visione strategica, analisi del mercato, progettualità, specie se lo scopo è usarlo per promuovere il proprio business. All’inizio ignoravo tutto questo e se non fosse stato per la formazione e la consulenza podcast a cui mi sono affidata, mi sarei arresa prima del previsto. A volerla dire tutta, avevo grande motivazione ma brancolavo nel buio.

Come podcast producer nasco per aiutare chi vuole comunicare con il podcast in modo distintivo, le aziende, gli imprenditori e i liberi professionisti che vogliono farsi sentire con personalità. Attraverso la scrittura dei contenuti racconto i valori e la storia del tuo brand, dei tuoi prodotti. Con la consulenza podcast ti aiuto a creare il tuo progetto, anche se parti da zero, ma con il piede giusto.

Sono diventata freelance per scelta, lasciando un impiego a tempo indeterminato, perché credo di poter realizzare qualcosa di creativo e di bello per i brand che hanno voglia di innescare un cambiamento nella loro comunicazione, di andare oltre la solita storia.

Vuoi far parte di questo cambiamento?

Se hai qualche curiosità e vuoi conoscermi meglio, sono qui! Scrivimi a contattami@estermemeo.it e sarò lieta di risponderti. Ti aspetto!


Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere i prossimi via email!


Lascia un commento