Fattore 1% di Luca Mazzucchelli: recensione

Fattore 1% è il libro di Luca Mazzucchelli, psicologo e psicoterapeuta diventato famoso per aver preso una sana abitudine. Ha infatti trovato un modo alternativo, moderno e fresco di parlare dei temi più tradizionali e non della psicologia: questa materia che tanto ci appassiona e di cui vorremmo sapere tutto per districarci nei nostri labirinti.

Diventati virali, i suoi 900 video raccolti nel suo canale Youtube, lo hanno reso celebre per la sua genuinità. È direttore della rivista “Psicologia Contemporanea“, che divulga la psicologia scientifica in Italia. In questo libro ci parla di come prendere una nuova abitudine partendo da un punto di osservazione alternativo.

Trama di Fattore 1% Piccole abitudini per grandi risultati

Il titolo del libro di Luca Mazzucchelli è già un suggerimento: piccole abitudini per grandi risultati. Come arriviamo infatti a raggiungere dei risultati concreti e tangibili, magari anche sfidanti? La risposta è proprio questa: un passo per volta. Non si tratta tuttavia solo di suddividere un obiettivo in micro obiettivi. Tutt’altro.

La prima parte del libro è un lungo e profondo excursus sulla reale motivazione che ci spinge a voler adottare una nuova abitudine. Non si tratta di un fuori tema ma di quella che in realtà dev’essere una presa di coscienza per capire quali sono i valori che contano nella nostra vita, in che direzione vogliamo che essa vada. Le abitudini non sono altro che la somma delle nostre azioni all’interno di una giornata, una settimana, anni.

Potresti pensare che non ci sia molta differenza tra svolgere bene il proprio lavoro — che è una necessità, altrimenti diventa difficile fare la spesa e pagare le bollette — e decidere di iniziare a correre. Ciò che accomuna queste attività è il modo in cui mentalmente ci approcciamo ad esse. La tua giornata lavorativa è fatta di tante piccole abitudini. Prova a pensare ad esse e a come si relazionano con gli obiettivi della tua vita.

Se parliamo di andare a correre, idem. Proviamo a scrivere nero su bianco su carta, il perché di questa scelta. Vogliamo un fisico più asciutto perché arriva l’estate o abbiamo capito che fare movimento è fondamentale se abbiamo superato i 40? (Ammetto, questa ultima parte è un po’ autobiografica…).

Fattore 1% Mazzucchelli include al suo interno degli esercizi da fare, — utili a livello universale e non solo per decidere quali abitudini modificare o prendere —, spiegazioni concrete, oltreché tips da sottolineare.

La mia recensione

Fattore 1% è innanzitutto un libro molto piacevole così come il tono e i modi di Luca Mazzucchelli. Se ti aspetti il classico libro metodico con i vari step in cui apprendere un’abitudine in 21 giorni, allora sei nel posto sbagliato o, meglio qui sei nel posto giusto, ma non è il tipo di libro di cui ti parlerò.

Quel che ho apprezzato molto è proprio il punto di vista diverso che mi ha offerto Luca in questo piccolo manuale del cuore. Possiamo cercare di avere più forza di volontà e diventare piccole macchinette esecutrici con lo scopo di perseguire l’obiettivo. In questo caso, finalmente riuscire a far nostra una nuova abitudine. Il punto non è questo. Forse ci riusciremo, tuttavia ci vogliono più che 21 giorni affinché essa diventi realmente un tassello del nostro quotidiano. Il tempo andrà misurato in mesi.

Il vero punto di svolta parte dall’inizio di questo processo: sederci con un foglio bianco davanti e chiedersi con estrema sincerità perché questa abitudine è davvero importante per noi. Per farlo, più che rispondere un tanto o poco, dovrò partire da quella che è la mia mappa dei valori.

La prima domanda è quindi: “Cosa è importante per me nella mia vita?”.

Non c’è una risposta giusta o sbagliata ovviamente. Da questo presupposto costruiremo le azioni che ci accompagnano durante la giornata, un pezzettino alla volta, un 1% alla volta, perché non dobbiamo essere dei supereroi. Fare un gradino per volta ci darà più stabilità e fiducia in noi stessi. Sarà capitato anche a te di gettare la spugna dopo pochi giorni di corsa e sentire quel pizzico di frustrazione e la vocina “tu non ce la fai mai…”.

Inoltre, in Fattore 1%, Luca ci da diversi consigli pratici per metterci in tasca quell’1% in più di volta in volta. Ad esempio:

  • usare delle to do list, che siano scritte su carta o messe in vista sulla home page del nostro smartphone, per ricordarci quanto è importante il motivo per cui vogliamo fare quelle azioni (piuttosto che trascorrere ore a vuoto sui social);
  • indossare un bracciale che ci ricordi quotidianamente perché vogliamo impegnarci a raggiungere un risultato ossia un oggetto sempre ben visibile che àncori quel pensiero;
  • possiamo chiedere feedback alle persone che ci conoscono, come benzina per la nostra volontà: mostriamo loro i nostri progressi e prendiamoci ogni tanto una pacca sulla spalla per modellare i comportamenti che vogliamo implementare.

Come suggerisce Luca Mazzucchelli, infine, dobbiamo “credere in quello che non c’è”, ovvero avere più fiducia e meno fretta. I risultati arrivano mano a mano e anche se quell’1% ci sembra quasi inutile, dopo 10 giorni sarà un 10%.

Frasi indimenticabili di Luca Mazzucchelli in Fattore 1%

“Se vuoi svegliarti felice,
vai a dormire grato”.

“Non puoi scegliere il tuo futuro,
ma puoi decidere le abitudini che lo cambieranno”.

“Tu sei il risultato delle abitudini
che hai adottato negli ultimi 5 anni”.

Letture e Podcast consigliati

Il mio consiglio di lettura va su un altro libro di Luca Mazzucchelli: Prova a cambiareGiochi e pensieri per crescere ogni giorno, edito da Sperling & Kupfer. Parlando di podcast, non mancherò di citare sempre il suo, G.U.R.U., che puoi trovare su Audible.

Una lettura alternativa che ti segnalo è The Miracle morningTrasforma la tua vita un mattino alla volta prima delle 8:00 di Hal Elrod. un programma di 30 giorni fatto di: affermazioni , meditazioni, scrittura , lettura, esercizi e visualizzazioni. 



Lo hai trovato utile?

Iscriviti alla newsletter per accedere ai contenuti riservati.