Empatia digitale di Assunta Corbo: recensione

Empatia digitale è il libro di Assunta Corbo che ci aveva già affascinati e indirizzati su un percorso di gratitudine con Dire, Fare… Ringraziare!

Chi è Assunta Corbo? Giornalista affermata, Founder del Constructive Network in italia con il quale abbraccia e promuove l’obiettivo di raccontare la parte costruttiva delle storie. Non più valutate solo come notiziabili anche a livello di utilità sociale.

In questo libro autobiografico Assunta ci fa dono della sua esperienza di giornalista, raccontandocene la nascita e il modo in cui ha dato forma alla sua carriera, con consapevolezza e senza alcun tono autocelebrativo.

Scopriamo insieme cos’è l’empatia e perché è così importante oggi, nella cosiddetta era digitale.

Trama di Empatia digitale – Le parole sono di tutti, il contenuto è tuo

Empatia digitale ai miei occhi è come una margherita in quanto la sua trama si snoda tra 9 capitoli ben saldi intorno al medesimo fulcro. Proprio come dei petali, vicini perché così correlati e che attingono allo stesso cuore.

Il libro è nato da un desiderio molto sentito da Assunta: la condivisione, intesa come strumento per portare miglioramento. Così come accade con lo scambio di un’opinione e di un pensiero nella vita reale, così è anche per quanto riguarda lo sharing di un contenuto online. Ha esattamente lo stesso peso e valore, se non forse di più.

Non ci rendiamo infatti conto della portata che possono avere i nostri messaggi lanciati online, di quanti cerchi formino e fino a dove possano arrivare; anche il più piccolo, formatosi dal lancio di un sassolino nel mare.

Ecco come la vita online e quella offline si fondono in una nuova dimensione definita on-life da Liliana Di Donato, Caporedattore Attualità di Donna Moderna, nella prefazione da lei redatta di Empatia digitale.

Empatia digitale nasce da un promessa fatta dall’autrice all’età di 19 anni in occasione di un’intervista per un pezzo di cronaca. Di fronte ad una vicenda di dolore famigliare, scelse consapevolmente di esaltare la versione costruttiva della notizia anziché porre l’accento sulla tragicità dell’evento.

Una scelta controcorrente perché – le dicevano – ahimè il dolore vende di più. Seppur giovane, Assunta fece quella che più di una scelta, fu una promessa: raccontare la parte bella della storie, senza buonismi né volontà utopistiche ma volendo fermamente lanciare un messaggio costruttivo.

Non sapeva ancora che avrebbe poi creato in Italia il Giornalismo Costruttivo che restituisce al lettore il valore aggiunto delle notizie e non unicamente ciò che meglio la può vendere.

Empatia digitale tratta diversi temi legati a ciò da cui l’empatia nasce: l’autenticità. Lo fa attraverso il messaggio che lei stessa ha fatto suo durante la sua esperienza, in seguito all’incontro con persone care che l’hanno ispirata.

Alcuni capitoli sono dei bellissimi e genuini duetti: Riccardo Scandellari parla con lei di vulnerabilità, Giulia Bezzi ha contribuito per la parte dedicata all’azione e Mariagrazia Villa che sostiene che “Dietro ogni nostra parola, ci sono le persone cui ci rivolgiamo”.

Appariranno inoltre Stefano Pigolotti, Alberto Manieri, Elisa Bonandini, Antonio Quaglietta e Paolo Schianchi.

Abbiamo tutti una grande responsabilità online, ci ricorda Assunta. Non solo i giornalisti, i blogger o gli influencer hanno questo onere. Anche tu, nel momento in cui scrivi un pensiero, condividi un contenuto o scrivi un commento. Stai lanciando un messaggio emotivo che certamente influenzerà la giornata o la vita di chi lo leggerà.

Il libro termina con il capitolo zero: è quello che chiude il cerchio.

La mia recensione del libro di Assunta Corbo

Ho avuto la fortuna di assistere alla presentazione del libro che ebbe luogo a Milano il 15 Ottobre 2020, in un clima che per me rappresenterà l’etichetta del libro stesso: autentico.

Confesso che sono solita leggere la prefazione di un libro alla fine, dopo aver terminato il libro. Ciò perché non voglio farmi influenzare da un punto di vista altrui o scorgere delle anticipazioni del libro.

La prefazione di Liliana Di Donato ha decisamente arricchito la mia idea, spiegandomi che oggi sui social viviamo come in una scatola di vetro. Tutto ciò che facciamo può diventare pubblico.

Abbiamo il compito e il dovere di scegliere cosa condividere. Assunta Corbo ci svela come condividere i nostri pensieri e il quotidiano, rafforzandolo con un’accezione positiva di ciò che impariamo o i messaggi positivi che possiamo accompagnare a foto ed eventi.

Il tema principale è naturalmente l’empatia intesa come la capacità di immedesimarsi nelle situazioni altrui ed emozionarsi. “Perché digitale?” ti starai chiedendo.

Non nascondo che il mio capitolo preferito è stato quello dedicato alla gratitudine. Si tratta di un’attitudine che va continuamente praticata ed allenata, esattamente come una competenza o una soft skill.

Farlo è utile per essere capaci di vedere le cose da una prospettiva nuova. Interagire sia online che offline con un’attitudine positiva porterà sicuramente ad atteggiamenti e condivisioni più costruttive.

Che tu lo voglia o meno devi prendere coscienza del fatto che sui social anche tu sei un autore. Il contenuto è tuo tuttavia, dal momento in cui sceglierai di condividerlo, diventerà di tutti.

Ti lascio con quella che fu la risposta di Assunta ad una domanda che le venne posta in occasione della presentazione del libro. Si riferiva a come poter essere autentici online, dietro a un pc ed una tastiera, in una dimensione in cui è facile credere che i rapporti siano solo online. Ecco, lei rispose: “Di persona, diresti le stesse cose che scrivi?“.

La risposta che darai parlerà della tua autenticità. Questa è la grande responsabilità di ognuno di noi, attori non protagonisti dei social.

Frasi indimenticabili di Empatia digitale

Le parole ci appartengono: vibrano intorno a noi. Le usiamo tutti i giorni. Ad alcune diamo l’opportunità di portare con sé un significato profondo. Ad altre, invece, permettiamo di vivere come fossero un dono al vento senza alcuna importanza. Ma non è mai così.

Nella comunicazione vince chi è umile. Considero l’umiltà una virtù intellettuale e una caratteristica che appartiene alle personalità più grandi.

Il giornalismo, nello stato di confusione e distorsione della realtà che viviamo oggi, non può stare lontano da concetti come empatia, umiltà, rispetto degli altri e diffusione di nuove idee e soluzioni.

Podcast e letture consigliati

Factfulness di Hans Rosling è il libro che ti consiglio in tema di empatia. In particolare racconta della capacità di elaborare due pensieri contemporaneamente: uno migliorativo che peggiorativo. Un altro libro assolutamente di valore è Intelligenza emotiva di David Goleman, un punto di riferimento più che un libro.

Questa volta, infine, non vi segnalo un podcast da ascoltare bensì uno dei famosi TED Talks. Lasciati ispirare da Sam Richard ed il suo Esperimento radicale di empatia, cliccando qui.



Lo hai trovato utile?

Iscriviti alla newsletter per accedere ai contenuti riservati.

per ringraziarti, subito per te un piccolo regalo

Mini corso online

Trasforma la tua idea in un podcast vincente in 7 giorni

17
  • GRATUITO