Dimmi chi sei di Riccardo Scandellari: recensione

La curiosità di leggere Dimmi chi sei di Riccardo Scandellari è nata in me quando iniziai a seguire i post della sua rubrica su Linkedin. Saziavano la mia pausa pranzo ed erano ottimi spunti di riflessione. Piccoli sassolini lanciati in uno stagno che con cerchi concentrici sempre più grandi, mi hanno portata a esplorare anche il suo blog.

Skande.com è il manifesto di un “marketing elegante, etico e creativo” (cit.). Uno dei blog di business più seguito in Italia.

Da appassionata di libri, eccomi qui a parlare di quello che a mio parere non è solo un libro da leggere ma è un manuale del personal branding da studiare. Ammetto di aver impiegato parecchi giorni a leggerlo perchè, in effetti, ho ripassato più volte molti dei concetti enunciati e sottolineato molto.

Ti presento il libro di Riccardo Scandellari, esperto di marketing e personal branding nonché consulente e formatore personale ed aziendale. Docente nelle migliori business school e relatore ai maggiori eventi italiani in tema di comunicazione digitale e marketing.

Trama di “Dimmi chi sei, Scopri perché sei unico e ottieni attenzione, fiducia e contatti”

La trama di “Dimmi chi sei” è la chiave del libro non solo in quanto titolo bensì perché è la domanda intorno alla quale si sviluppa una buona strategia di marketing. In particolar modo, la tua strategia di comunicazione digitale. Un viaggio che parte proprio dalla risposta alla domanda: dimmi chi sei tu.

Perché é così importante saperlo?

Saranno i tuoi valori, i contenuti che vuoi diffondere e il modo in cui racconterai tutto ciò che saprà fare la differenza sul mercato.

Per essere credibile devi essere autentico, dare la possibilità alle persone di immedesimarsi in te e nei tuoi valori. Un buon motivo per conoscerli tu stesso, diversamente sarà molto difficile che tu riesca a comunicarli – a parole o tra le righe dei tuoi post – e crearti un seguito di persone.

Personal branding significa costruire la propria credibilità sul mercato. Come saprai già avere una buona reputazione richiede del tempo. In questi mesi (non è altro che così che devi misurarli) tu dovrai metterci un ingrediente raro: la costanza.

Riccardo ci dice che per poter avere un blog a livello professionale (per trarne un reddito, per intenderci) è necessario avere almeno mille persone che ci seguono. Come fare per avere 1.000 followers? Immagina di coltivare almeno 3 contatti al giorno e, in un anno, avrai costruito una relazione con circa 1.000 persone. Sono le stesse persone con cui interagiamo già tutti i giorni: visitano i nostri profili social, mettono un like ai nostri post, a volte ci lasciano un commento, condividono un nostro contenuto o, in alcuni casi, ci inviano un messaggio privato.

Costruire una relazione non significa attivare un bot (un sistema di messaggistica automatizzata, per esempio tramite Messenger) bensì scrivere un messaggio personale, in poche parole: aprire un canale di comunicazione. Dobbiamo ricordarci che oggi non esistono più solo i contatti online perché esse si fondono sempre più con la vita reale offline. In mezzo a quelle 1.000 ci saranno sicuramente persone alla quale avremo modo di stringere la mano ad un evento o forse con cui collaborare.

Puoi scegliere quale tipologia di comunicatore essere: ostentativo – auto celebrandoti – o utile. Se sarai ostentativo farai vedere una tua foto mentre partecipi a un corso oppure fotograferai il diploma ricevuto. Se vorrai essere utile condividerai cosa avrai imparato partecipando a quel  corso.

Il tuo valore aggiunto non sarà percepito dalle persone che ti seguono solo perché tu glielo comunicherai. Il più delle volte si leggerà tra le tue righe, trasparirà dall’utilità dei tuoi contenuti. Se ti stai chiedendo come scrivere contenuti utili, prova a pensare alle domande che poni tu stesso nelle tue ricerche in rete.

Essere ovunque e incessantemente, per divulgare i tuoi post, può essere una scelta. Essere su un paio di piattaforme, con costanza e contenuti di qualità farà la differenza. La buona notizia è che la corsia delle persone costanti non è sempre affollata!

Oggi più che mai, hai bisogno di trovare ciò che ti rende unico. Il personal branding è il tuo marchio di fabbrica. Da che cosa vuoi essere riconosciuto?

“Dimmi chi sei” tirerà fuori la tua autenticità per raggiungere il maggior pubblico possibile. Non ti aiuterà a scegliere né decidere quale maschera indossare.

La mia Recensione

“Dimmi chi sei” è una delle domande più difficili a cui mi sono trovata a rispondere ultimamente. Non è sufficiente dire come ti chiami, dove vivi e che lavoro fai.

Chi sei tu veramente e che cosa vuoi ottenere? Il come che ti permetterà di raggiungere i tuoi obiettivi, siano essi personali o professionali, nascerà infatti da queste due risposte messe insieme.

Io sto ancora provando a darmi una risposta, ad essere sincera.

Cosa vogliamo fare da grandi e che tipo di persona vogliamo essere – a fatti, non a parole – richiede una profonda conoscenza di sé. In parte anche un’accettazione che non significa però riconoscere di essere fatti in un certo modo e così restare.

La vera conquista sta nello scovare le nostre caratteristiche più belle e farle brillare come stelle. Farci conoscere per ciò che siamo, nella più bella versione. A patto che sia genuina. Riconoscere anche gli atteggiamenti o le nostre abitudini meno costruttive è, al contempo, un grandissimo passo perché ciò ci permetterà di dismetterle.

“Dimmi chi sei” è un manuale di personal branding che ti guida, mano nella mano, dalla presa di coscienza del sé, sino alla definizione di una strategia di comunicazione online.

Se io volessi imparare a fare questo mestiere – fare del mio nome un vero e proprio brand – vorrei sicuramente apprendere tutti i segreti e le tecniche da chi già lo ha fatto. Ecco perché ho scelto il libro scritto dal blogger di business più seguito in Italia. In questo libro Riccardo Scandellari ripone tutta la sua esperienza e il suo metodo parlando di Skande.com, fondato nel 2012. Un successo consolidato insomma.

A chi consiglio questo libro?

Non solo a blogger o influencer. Lo consiglio a tutti coloro che vogliono apprendere l’arte di fare personal branding: come farlo bene (se già lo si fa ma senza risultati) o come iniziare a farlo. Vorrei sottolineare che il tema non è solo da valutare a livello personale ossia che si voglia o meno aprire un blog e trarne profitto.

Chiunque abbia un’attività, online e offline, è importante che entri nell’ottica di idee di dover comunicare il proprio chi sono e non solo il proprio prodotto. Motivo per cui, il personal branding aziendale è un tema sempre più attuale e anche le società più quotate stanno tenendo appositi corsi alle persone con ruoli chiave all’interno dei propri team.

Per gli addetti ai lavori, invece, decisamente un must have da avere nel carrello.

Frasi indimenticabili di “Dimmi chi sei”

“Le persone sono semplici da comprendere: vogliono essere ascoltate, gratificate e apprezzate. Possiamo identificare il principio di qualsiasi attività di marketing in una semplice domanda: Dimmi chi sei.”

“Ci sono persone in ascolto: è necessario avere chiaro chi vuoi essere prima di capire quanto ti costerà diventarlo.”

“Questa non è più l’era dei follower, ma delle connessioni vere, in cui l’esigenza primaria, come creatore e distributore di contenuti, è comprendere esattamente ciò che il lettore si aspetta per rimanere connesso a te.”

Letture e Podcast consigliati

Sempre di Riccardo Scandellari, se vuoi approfondire il tema del personal branding, ti consiglio i libri “Rock’n’Blog” e “Promuovi te stesso”.

Per quanto concerne il personal branding aziendale, ti consiglio di leggere “Personal branding per l’azienda: Valorizzare l’azienda posizionando le sue persone chiave” di Luigi Centenaro e Silvia Zanella.

Infine, in collaborazione con Audible, Riccardo Scandellari ha realizzato dei Podcast sul marketing. Quello che ti consiglio di ascoltare è “Brand You. Comunicazione e reputazione digitale” che approfondisce naturalmente le strategie di personal branding.


Lo hai trovato utile?

Iscriviti alla newsletter per accedere ai contenuti riservati.