Come creare una strategia di content marketing per podcast

Perché serve una strategia di content marketing per podcast

Se il contenuto è il re, come si dice, il contesto è il regno. La sana consapevolezza del contesto è la base di partenza per una comunicazione efficace a distruggere il mostro della disattenzione che aleggia sul nostro pubblico. Questo vale per tutti i tipi di contenuti, compreso il podcast. Chi vorrebbe parlare sapendo di non essere ascoltati? Senza una strategia di content marketing per podcast, il rischio è proprio quello.

La verità è che dietro a ogni successo c’è una strategia pensata per quello specifico ambito. Chi ascolta un podcast, sente solo la parte finale del processo, che all’apparenza potrebbe sembrare semplice da replicare. Ma ciò che ha funzionato in una situazione, non è detto che vada bene in altre.

Ancor prima di iniziare a creare contenuti audio serve chiarire il contesto e sviluppare una strategia di content marketing per podcast adatta a quel contesto. Per fare questo c’è bisogno di un metodo, avere una visione d’insieme che ci aiuti a conoscere tutti i fattori in gioco perché sia efficace.

Come integrare i podcast nella strategia di marketing

Il podcast è un ottimo strumento di content marketing, a patto che si integri con la strategia di comunicazione del brand. È uno degli ingranaggi utili a definire l’ecosistema comunicativo, per cui non può essere slegato da tutto il resto. Altrimenti diventa un puro esercizio di creatività.

Se invece vuoi usarlo per fare marketing deve essere progettato per contribuire al raggiungimento dei tuoi obiettivi di business. Ciò vuol dire avere ben chiaro da dove si parte e dove si vuole arrivare. È un vero e proprio percorso che inizia da te e coinvolge il tuo pubblico.

I passaggi principali per creare una strategia di content marketing per podcast sono:

  • definire gli obiettivi
  • analizzare il contesto
  • identificare il target
  • creare contenuti

e infine

  • distribuire e promuovere i contenuti
  • monitorare i risultati

Ora vedremo come questi aspetti possono essere applicati in un podcast.

Vuoi promuovere il tuo brand con un podcast?

Definisci gli obiettivi

Si parte sempre dagli obiettivi, dallo scopo per cui vuoi comunicare e cosa vuoi raggiungere. Questa è la base che deve accompagnare sempre tutto il processo di content marketing.

Li possiamo suddividere in due tipologie:

  • obiettivi di business
  • obiettivi dei contenuti

Se stai iniziando ora un’attività come professionista o ti affacci in un mercato nuovo, stabilire gli obiettivi di business è fondamentale. Capire la motivazione forte che ti spinge a comunicare e cosa vuoi ottenere, ti aiuta a mantenere il focus su tutto il resto delle azioni che metterai in piedi nel tuo progetto.

Qualunque strumento di content marketing tu scelga, poniti sempre queste domande:

  • Perché voglio creare contenuti?
  • Cosa voglio ottenere?
obiettivi di content marketing

Scrivi le risposte e mettile bene in evidenza su un foglio. La differenza tra chi ha successo coi contenuti e chi ha scarsi risultati è proprio avere ben chiaro dove si vuole arrivare. Puoi approfondire questa fase nell’articolo…

Quando avrai ben chiara la meta, la fase successiva sarà creare contenuti che ti aiutino a raggiungere i tuoi obiettivi di business. Ogni messaggio deve essere veicolato con uno scopo preciso: essere pensato per soddisfare momenti differenti del processo di marketing.

Ricorda: raramente l’utente compra senza aver prima capito chi sei, che servizio offri, se e come può essergli utile. Solo dopo aver seguito questo processo, l’utente diventa cliente. Il content marketing serve a convertire. Senza questo elemento, stiamo solo facendo esercizio di creatività, come dicevo prima.

Per ogni contenuto che crei, poniti queste domande:

  • a chi sto parlando?
  • quali sono i miei obiettivi?
  • cosa voglio ottenere?
  • è una cosa che penso davvero?

E qui si innesca la logica del funnel di vendita, ovvero il percorso decisionale di acquisto. Gli obiettivi e gli strumenti per fare content marketing saranno diversi a seconda della fase in cui si trova l’utente.

strategia di content marketing

Analizza il contesto

Ora che hai scritto bene gli obiettivi, analizza il contesto che ti circonda. Non puoi ignorare il mercato e la concorrenza. Questi due elementi ti servono per capire come puoi posizionarti.

Parti da te stesso: chi sei? Di cosa ti occupi? Quali sono i tuoi punti di forza? Qual è l’elemento differenziante rispetto agli altri?
Studia i competitor: chi sono? come comunicano? Cosa offrono?

L’elemento differenziante non risiede solo nel tipo di prodotto o servizio che offri ma potrebbe essere anche il modo di in cui comunichi, gli strumenti che usi, lo stile e la personalità. (link a podcast e content marketing)

Identifica un target

Sapere a chi si sta comunicando è la base per costruire contenuti che convertano. Se non hai in testa la persona ideale, chiamata in gergo buyer personas, a cui indirizzare il tuo prodotto o servizio, stai sprecando energie. È vero, magari potrebbe esserci un pubblico ampio potenzialmente interessato alla tua offerta, ma sparare nel mucchio non serve a molto. Meglio usare le cartucce per una nicchia ben specifica e concentrare gli sforzi su un tipo di comunicazione che questi utenti possano comprendere.

Identificare un target preciso ti aiuterà a comprendere i bisogni specifici a cui potrai rispondere con i contenuti. Se non conosci i problemi, le paure o i desideri del tuo pubblico, non sarai di aiuto. Inoltre, potrai capire dove intercettarli: sono attivi sui social? preferiscono i podcast? leggono volentieri un articolo di blog? oppure sono amanti dei video?

Crea contenuti adatti

I contenuti devono essere adatti al tuo target ma anche alla fase del funnel, come abbiamo visto. Un utente che interagisce con te o il tuo brand per la prima volta deve innanzitutto capire chi sei, di cosa ti occupi e come puoi essergli di aiuto.
Solo successivamente potrai proporre i tuoi servizi. Le vendite a freddo sono casi ormai isolati. Le persone vanno accompagnate in un percorso e i contenuti sono il veicolo per farlo.

I contenuti devono adattarsi anche alla piattaforma. I social, il blog, la newsletter, l’ebook, il podcast e i video, sono forme comunicative che richiedono un diverso linguaggio anche se la struttura ripercorre le stesse logiche. Conoscerle ti aiuterà a usare il tono di voce corretto e intercettare meglio le persone.

Conclusioni

Abbiamo visto che il podcast è uno strumento di content marketing dalle grandi potenzialità. Diventa vincente: se inserito in una strategia aziendale di marketing coerente con l’ecosistema comunicativo; se parte da un progetto ben definito che identifica obiettivi, target, e tiene conto del contesto.

P.S.: è vero che il podcast non è per tutti, ma perché non scoprire se fa per te?

Vuoi promuovere il tuo brand con un podcast?


Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla newsletter per ricevere i prossimi via email!